News dal territorio

28-04-2011

Ascoli Piceno, l’opus reticolatum di Porta Romana: la morte dopo duemila anni

E’ stato ripetutamente segnalata la condizione di estremo degrado in cui versa uno degli angoli più prestigiosi dell’Ascoli romana.

Si tratta del muro che da circa duemila anni è presente all’altezza della Porta Gemina, nella parte ovest della città, da dove transitavano coloro che provenendo dalla capitale dell’impero , dopo aver percorso la strada consolare Salaria, entravano in Ascoli.

La magica immagine del perfetto “ opus reticolatum”, superate l’ingiuria del tempo e la pretesa inciviltà dei secoli bui, negli ultimi si sta letteralmente dissolvendo , proprio  nell’epoca in cui la nostra ricchezza sembra aumentata enormemente e quando, almeno a parole, ripetiamo che è cresciuta  l’ ipotetica maggior consapevolezza dell’esigenza di tutelare e conservare le nostre sacre memorie.

Dal muro si staccano man mano  alcuni tasselli di pietra, cadono per terra e poi scompaiono miserevolmente.

Si aprono quindi dei buchi sempre più ampi e se non si interverrà immediatamente, scomparirà un altro pezzo della nostra storia e memoria.

Può darsi che manchino le risorse per un intervento immediato. E nessuno come noi comprende come ciò sia  motivo di dolore e preoccupazione per tutti, in particolare per chi è preposto alla custodia e conservazione di questi beni. Pure riteniamo che  si debba fare qualcosa senza aspettare che  la situazione diventi irreversibile.

Riteniamo che l ‘Amministrazione Comunale e la Soprintendenza Archeologica, di concerto,. debbano con l’urgenza che il caso richiede, individuare le forme di intervento più efficaci per bloccare questa condizione di degrado, recuperare il salvabile, metter in sicurezza il sito.

Se non fosse possibile alcun intervento per l’assoluta mancanza di mezzi e attesa l’estrema urgenza del caso si potrebbe eventualmente pensare a coinvolgere, per lo svolgimento dei lavori ,  le Associazioni Culturali locali e i cittadini sensibili, pur presenti nel nostro territorio, naturalmente con il coordinamento e le indicazioni della competente Soprintendenza.

La Nostra Associazione  già da ora  conferma la sua completa disponibilità a partecipare a questa opera di civiltà

Il Presidente della Sezione di Italia Nostra

Prof. Gaetano Rinaldi


Italia Nostra Onlus